La Pianta Fuchsia

Dove sei

 

Il Fucsia

 

 

L’origine

Il fucsia (o Magenta) prende questo nome dalla pianta “Fuchsia”. Non è un colore dello spettro del visibile ma è un colore generato dal cervello tramite il sistema di cellule a forma di cono presenti all’interno dei nostri occhi. Il fucsia si genera dall'unione di due colori che stanno agli estremi dello spettro visibile dell'uomo, il blu e il rosso.

 

In colore Fucsia in fisica

Cosa succede quando la luce blu e la luce rossa si sovrappongono (mescolano)?
Si genera un’onda ad ampiezza non costante ma oscillante. Vediamo di capire meglio nella spiegazione seguente. In primo luogo bisogna considerare che, tra le sue proprietà fisiche, la luce si propaga nel vuoto a quasi 300.000 Km/s (o a velocità inferiori se attraversa mezzi materiali). In secondo luogo la luce può essere pensata come un treno d’onde ed ogni onda corrisponde ad un colore. Tra queste onde c’è quella corrispondente al colore blu e quella corrisponde al colore rosso. Ogni colore ha una sua lunghezza d’onda che di solito si esprime in nanometri (nm) e nel nostro caso:

  • Lunghezza d’onda blu (onda corta): intervallo 450 - 475 nm
  • Lunghezza d’onda rosso (onda lunga): intervallo 620 - 750 nm

 

Ogni lunghezza d’onda \(\lambda\) è in relazione con la frequenza d’onda \(\nu\) con la seguente espressione:

 

\[\lambda = {v \over \nu}\]

 

dove \(v\) è la velocità dell’onda (se si è nel “vuoto” allora \(v\) è quasi 300.000 Km/s) e quindi le frequenze del nostro caso sono:

  • Frequenza del blu (elevata): intervallo 631 - 668 THz
  • Frequenza del rosso (bassa): intervallo 400 - 484 THz

 

Riassumendo: il colore blu ha una frequenza più elevata e ha una lunghezza d’onda più corta rispetto al colore rosso. Ora il fucsia (o magenta), che non è presente nello spettro del visibile è generato dalla presenza in eguale intensità di rosso e di blu. Ritorniamo alla domanda sopra posta: cosa succede quando le due onde, rosso e blu, di frequenze diverse si sovrappongono?

Le onde del rosso e le onde del blu possono essere rappresentate da un’onda con ampiezza costante e una sola frequenza secondo la figura schematica sotto riportata:

 

 

Invece l’onda del fucsia (o magenta), generata dalla sovrapposizione delle onde del rosso e del blu, risulta essere un’onda ad ampiezza oscillante e con una frequenza che si trova approssimativamente a metà strada tra la frequenza del blu e la frequenza del rosso, secondo la figura schematica sotto riportata:

 

 

Ora per maggior chiarezza visiva mettiamo a confronto le tre onde del blu, del rosso e del fucsia. Nella figura schematica sottoriportata, si può notare come l’onda del rosso e l’onda del blu mantengono un’ampiezza costante (i picchi sono “alti uguali” nel tempo) mentre il fucsia (magenta) ha un’ampiezza che oscilla nel tempo (l’altezza dei picchi non sono “alti uguali” nel tempo).

 

 

In ambito emozionale

Notoriamente il blu (frequenza alta) è considerato un colore freddo, mentre il rosso (frequenza bassa) è considerato un colore caldo. Il fucsia diventa così un colore oscillante tra caldo e freddo per una diversa energia di penetrazione che fa prendere corpo ad una oscillazione, ad una alternanza che tradotta in termini emotivi può rappresentare un disagio, una instabilità che potrebbe diventare inattività. È proprio da questa oscillazione che il fucsia tenta di unificare la conquista impulsiva del rosso e la dolce sottomissione del blu come in una sorta di unione mistica e/o di una profonda intimità di sentimenti che punta ad una fusione totale tra il soggetto e l’oggetto. La persona che preferisce il fucsia (in forma esaltata) vive come dentro ad un incantesimo, ad un sogno realizzato, ad uno stato magico nel quale i desideri sono soddisfatti. Un mondo “personalizzato” dove la persona vuole avere dei rapporti magici e vuole affascinare prima sé stessa e poi gli altri. Ma il suo carattere irreale e fantasioso può portare nel tempo all'incapacità di distinguere, all’esitazione, all’incertezza, fino ad arrivare all'irresponsabilità. La preferenza o scelta continua di questo colore è indice di una tensione prolungata, di conseguenze di uno choc o di situazioni difficili vissute in tutta la prima infanzia. Facciamo un esempio per favorire la comprensione. Tramite i disegni creativi colorati, una persona può dimostrare i propri disagi colorando di fucsia le parti interessate dalla propria ansia emotiva. Se si tratta della bocca e del viso il disagio è nella parola, se la parte interessata sono le mani l’urgenza è quella riferita al contatto sereno con il mondo e con le cose ecc.. Per questi e altri motivi queste persone necessitano di una comprensione particolare, di un trattamento pieno di riguardo e di molto affetto oppure vogliono essere stimati per il proprio fascino, per le proprie maniere e vogliono farsi notare. Sensibili e di buon gusto, non vogliono avere relazioni che li trascinino in responsabilità troppo grandi da affrontare.

 

Curiosità

Nelle forme geometriche, è rappresentato da una figura composta da semicerchi. Le convessità danno l’idea di un triangolo morbido, dolce e sensuale, una forma geometrica che evoca qualcosa di magico e di mistico. Infatti, la troviamo nella geometria sacra, nel fiore della vita.

Nel mondo dell’arte, il fucsia si ottiene per mescolanza di due colori, il blu e il rosso e mantiene alcune proprietà di entrambi i colori anche se ne perde la nettezza del loro significato. Tale mescolanza determina un conflitto tra due energie diverse o per meglio dire quello che si genera all’interno del fucsia è un’opposizione, una sorta di predominanza di un colore sull’altro. È sufficiente una minima quantità di rosso perché il fucsia assuma una colorazione rossastra o basta un po’ di blu perché la colorazione diventi bluastra.

In gravidanza, durante questo meraviglioso momento di vita, a causa dell’attività ormonale le donne manifestano emozioni molto instabili o altalenanti e possono diventare insicure e poco controllabili. Ed è per ciò che hanno bisogno di una speciale comprensione da parte del proprio partner e dei propri familiari. Quasi un bisogno emotivo che trova soddisfacimento nella ricezione di comportamenti gentili e di tenerezza; una necessità per riuscire a sedare le proprie paure. Questa alternanza emotiva potrebbe essere accostabile all’oscillazione tra i due colori blu e rosso che, come abbiamo appena detto, si traduce nel fucsia: questo può quasi generare un’attrazione inconscia che porte le donne a circondarsi di oggetti, vestiti o addobbi di colore fucsia.

Nella sessualità, l’omosessuale e la lesbica di solito possono preferire il fucsia come inconscia compensazione alle proprie insicurezze emotive. In tal caso, queste persone potrebbero trovarsi a vivere dentro a tante paure emotive al punto da arrivare a crearsi un mondo di fantasie in cui rifugiarsi e considerare la realtà circostante come “perduta”.

Sensitività, veggenza, esoterici, sognatori. Il fucsia può simboleggiare anche la volontà di andare oltre i propri limiti e verso ciò che non si conosce. La persona molto attratta dal color fucsia è più predisposta a percepire le sfumature sottili dell’animo umano e del mondo emozionale. In casi particolari, alcune persone possono spingersi fino ad arrivare a vivere a stretto contatto con le energie cosmiche e percepirne i messaggi più nascosti. La preferenza esaltata del fucsia, in età adulta, può indicare anche una indole infantile con mancanza di senso pratico o una certa facilità nel lasciarsi affascinare e travolgere da emozioni gratificanti.

 

 

La galleria del fucsia

  • Rogaška Slatina, Slovenia
  • Villa Ca’ Marcello, Padova, Italia
  • Netanya, Israele
  • Netanya, Israele
  • Mosca, Russia
  • Mosca, Russia
  • Mosca, Russia
  • Mosca, Russia
  • Mosca, Russia
  • Mosca, Russia
  • Scorzè, Venezia, Italia
  • New York, USA
  • Acquario, Genova, Italia
  • Acquario, Genova, Italia
  • Acquario, Genova, Italia
  • Rogaška Slatina, Slovenia

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28

 

 

 
Scritto in collaborazione con il dott. Laurito Marco, fisico, dicembre 2016.
FaLang translation system by Faboba